Notizie

A MONDOVI’ PRIMA BATTUTA D’ARRESTO PER L’ALBESE

Si profilava una partita potenzialmente agevole per l’Albese, quella di oggi, eppure qualcosa è andato storto. La capolista, che prima di oggi godeva di u

Si profilava una partita potenzialmente agevole per l’Albese, quella di oggi, eppure qualcosa è andato storto. La capolista, che prima di oggi godeva di un vantaggio di due punti su Benarzole, Pro Dronero e Pinerolo, si trova ora a pari merito con la Cheraschese, volata da sei a nove punti, e seguita a ruota da Benarzole, Pro Dronero e Casale. Notevole l’amarezza per la squadra di Mister Rosso, soprattutto per essersi lasciati sfuggire dei punti preziosi contro la Virtus Mondovì che, prima di oggi, giaceva sul fondo della classifica a zero punti. La Virtus Mondovì, conscia dell’importanza di questo match, ha saputo gestire il gioco con determinazione e concentrazione: il cuore e l’impegno dimostrato oggi sul campo è stato ripagato con un risultato tanto inaspettato quanto meritato. Ad oggi, con questa vittoria, la formazione grigio-rossa è riuscita ad agganciare Valenzana e Colline Alfieri, ed è riuscita a lasciarsi dietro, seppur di poco, il Lucento, il Corneliano Roero e il San Giacomo Chieri. Lo scontro si profilava fin dagli inizi interessante, e il coinvolgimento del pubblico era palpabile: entrambe le formazioni cercavano la vittoria, chi per mantenere il piazzamento migliore in classifica, chi per risollevarsi dalla polvere. La partita, fin dai primi minuti, si fa infuocata: Cavazzi e Massimo, in due momenti, vanno sotto, ma i tentativi vengono sventati da Baudena e dai difensori dell’Albese, ben determinati a non lasciar passare gli avversari. La risposta dell’Albese non tarda ad arrivare: Berberi è il primo a farsi vivo nella metà campo avversaria e, avanzando dalla destra, lancia un cross che, però, non è ben calibrato, e per Viglione diventa semplice contrastare. E’ Granieri a far tremare la formazione di casa: il suo calcio di punizione, ben direzionato, non viene sfruttato dai compagni in area, così anche questa occasione sfuma via in un attimo. Dal 30′ in poi, è la difesa della Virtus Mondovì a dare sfoggio della propria compattezza: nemmeno la ormai consolidata intesa tra Poli, Sinato e Berberi è in grado di scalfire lo scudo inviolabile costruito da Viglione e compagni, con Mozzone subito integrato al meglio nei meccanismi grigiorossi. Tra le fila dell’Albese è proprio Poli a rappresentare il pericolo più grande ma, nonostante le innumerevoli occasioni, il primo tempo si conclude così come era iniziato. Nella ripresa il copione è lo stesso: entrambe le formazioni vogliono la vittoria, e il secondo tempo inizia con ancora più energia da parte di tutti i giocatori. Al ‘6 è Sinato a far capolino, in solitaria, nell’area della Virtus, ma non riesce a beffare la difesa di casa. Ma la prima vera e propria occasione per la Virtus Mondovì arriva pochi minuti più tardi, quando Cavazzi si esalta in contropiede, sorprendendo la difesa dell’Albese ma, nel testa a testa con Baudena, è il secondo ad avere la meglio. Lo segue Massimo a ruota, ma anche lui non trova il bersaglio grosso. La reazione dell’Albese non tarda ad arrivare, con Sinato che, dal limite, sorprende un non impeccabile De Miglio: il tiro del 9 azzurro esce di lato di pochissimi centimetri. Al ’34 arriva però la svolta: è Bettega questa volta ad avanzare sicuro tra le fila avversarie e, con un dardo dritto in porta, gonfia la rete battendo un incolpevole Baudena. Nel finale l’Albese cerca alla rinfusa il gol, la Virtus si difende con i denti e, in alcuni casi, anche con la giusta dose di rudezza. Non vi è più alcuna speranza per l’Albese quando, al 48′, il direttore di gara dichiara conclusa la partita: questa volta è la Virtus Mondovì ad assaporare una proverbiale vittoria contro la capolista. Virtus Mondovì: De Miglio, Rinaldi (34′ st Romano), Viglione, Mozzone, Sacco, Giordanengo, Salomone (34′ st Tachis), Bettega, Cavazzi, Garavelli, Massimo (25′ st Magnino). All: Giuliano Franco Albese: Baudena, Cornero, Praino, Granieri (6′ st Delpiano), Roveta, Galvagno, Bellan (20’ st Magnone), Gallesio, Sinato, Berberi, Poli. All: Rosso Giancarlo