Notizie

AL TORINO IL 1o TORNEO CITTA’ DELLE 100 TORRI

ALBA – 15 squadre provenienti da tutto il Piemonte, 3 società professionistiche e quasi 300 atleti nati tra il 1996 e il 1997. Sono questi gli ingredienti che

ALBA – 15 squadre provenienti da tutto il Piemonte, 3 società professionistiche e quasi 300 atleti nati tra il 1996 e il 1997. Sono questi gli ingredienti che hanno consentito al primo trofeo “Città delle 100 Torri” andato in scena ad Alba nella cornice del Centro Sportivo “Michele Coppino” sabato 8 e domenica 9 giugno di tramutarsi in un buon successo di pubblico e sport. Nata sotto l’egida del GS Ferrero con la collaborazione dell’Albese Calcio, questa kermesse calcistica è riuscita a portare “sotto le torri” un ottimo calcio giovanile, offrendo al folto pubblico intervenuto spunti di sicuro interesse e piacevoli sorprese, oltre al piacere di veder calcare il sintetico albese squadre blasonate come Torino, Pro Vercelli ed Alessandria, tutte e tre finite sul podio solo dopo, però, essersela vista con la Cheraschese, autentica rivelazione del torneo, quarta classificata ma capace di offrire sprazzi di gran calcio. Due le fasi nelle quali si è articolata la manifestazione, la prima andata in scena sabato con 15 squadre divise in 5 gironi votati a promuovere le prime classificate e la migliore seconda, la seconda in programma domenica, con l’ingresso in scena delle professioniste. La giornata di sabato non è stata sicuramente avara di sorprese, con l’Albese eliminata per mano di Vianney e Fossano, l’Europa “fatta fuori” dalla mina vagante Sportgente, GS Ferrero a spuntarla nel Girone C e Canelli e Cheraschese ad avere la meglio nel “girone di ferro” comprendente anche la Saviglianese. Decisamente vibrante la giornata di domenica, con il Torino, grande favorito della vigilia, che dopo aver travolto il Canelli rischia grosso con la Cheraschese, bravissima ad impattare sull’ 1 a 1 facendo correre più di un brivido ai granata e conquistando il secondo posto del girone, utile per accedere alle semifinali. Più lineari gli altri due triangolari, con l’Alessandria che passa il turno regolando sia Vianney che Fossano, e Pro Vercelli, giunta ad Alba con gli atleti del 1997, supera prima la Ferrero, quindi lo Sportgente con un rabbioso colpo di coda. Appassionanti e tiratissime le due semifinali. Nella prima il Torino supera l’Alessandria solamente ai calci di rigore dopo che l’incontro era terminato sullo 0 a 0, mentre nella seconda sfiora il colpaccio la Cheraschese che si porta in vantaggio dopo 30 secondi di gara con la Pro Vercelli, subisce il pareggio, fallisce un calcio di rigore e soccombe dal dischetto per mano di un miracolo dell’estremo difensore vercellese Tornatora. Nella finalina Simone e Manco affondano i “lupi” regalando la medaglia di bronzo all’Alessandria, mentre nella finalissima ci vuole una grande rete di Dalmasso sugli sviluppi di un calcio d’angolo per consentire al Torino di avere la meglio sui terribili vercellesi e conquistare così il gradino più alto del podio. Tangibile, a fine giornata, la soddisfazione degli organizzatori del torneo “E’ andato decisamente bene – afferma Aldo Chiavarino, responsabile del GS Ferrero – il pubblico ha risposto bene e le squadre, in campo, hanno offerto un ottimo spettacolo. Essendo la prima edizione della manifestazione le sbavature non sono mancate, ma i motivi di soddisfazione sono tanti. E’ un motivo d’orgoglio per noi avere portato ad Alba formazioni blasonate come Torino, Pro Vercelli ed Alessandria, e vogliamo pensare che quello di quest’anno sia solamente il primo capitolo di un torneo destinato a durare nel tempo”.