Notizie

CHE BELLA ALBESE! RAPALLOBOGLIASCO KO

La vendetta è un piatto che va servito freddo. Lo sa bene l’Albese che, sul campo del RapalloBogliasco seconda forza del campionato, si conferma balbettan

La vendetta è un piatto che va servito freddo. Lo sa bene l’Albese che, sul campo del RapalloBogliasco seconda forza del campionato, si conferma balbettante con le piccole ma assolutamente letale con le corazzate, e dopo aver steso Caronnese e Giana Erminio vendica anche il pesante 5-2 rimediato con i liguri nella gara d’andata. Una vittoria legittima per i ragazzi di Giancarlo Rosso, che menano le danze per tutta la gara, lasciando le briciole ai quotati avversari e andando a vincere con una rete del solito Marijanovic, ritornato decisivo dopo una serie di gare opache. E se è vero che la fortuna aiuta gli audaci, in una giornata in cui l’Albese sfodera una prestazione maiuscola, anche la buona sorte strizza l’occhio ai biancoazzurri langaroli, spedendo sulla traversa il rigore di Franca che avrebbe potuto cambiare volto al match. E’ un’Albese arrembante quella che si presenta in campo a Rapallo. Gallino è out per infortunio e il mister Rosso deve cambiare le carte in tavola, con il “vecchio” Baudena in porta, l’esordiente Poli a centrocampo, Tavella in attacco a far coppia con Marijanovic e Cornero sacrificato in nome della famigerata regola dei giovani. Il primo sussulto al 10′ quando l’ispirato Nebbia lavora una gran palla sulla sinistra per poi servire al centro Marijanovic, anticipato a due metri dalla porta da Corteggiano. Cinque minuti più tardi Picone avvia un sinuoso contropiede cercando poi di sorprendere De Martino dalla lunga distanza ma il suo tentativo di pallonetto si perde a lato. Il RapalloBogliasco fatica a prendere le misure agli scatenati albesi che al 23′ si fanno ancora vedere davanti con Marijanovic la cui girata da centro area non è sufficientemente potente e De Martino blocca senza problemi. Sul capovolgimento di fronte si vede finalmente il RapalloBogliasco ma Anderson con un tempestivo intervento anticipa Taddeucci servito in area da Siani. E’ però sempre l’Albese a fare la partita e alla mezz’ora Incontri serve con il contagiri Marijanovic sulla sinistra, sponda per Gallesio che penetra in area ma ancora una volta Corteggiano si rifugia in angolo. L’ultimo sussulto della prima frazione di gioco è di marca ligure, con Franca che in contropiede supera Anderson in un testa a testa tutto carioca e batte in diagonale ma Baudena blocca a terra. Se il primo tempo era stato emozionante, la ripresa è da puro cardiopalma. Lo si capisce già dopo un minuto quando Costantino mette al centro un pallone trovando però il braccio di Anderson: il tiro è da distanza ravvicinata, la mano larga…l’arbitro dopo una rapida riflessione decreta la massima punizione che potrebbe cambiare il volto del match. Dal dischetto si presenta il bomber Franca che spiazza Baudena ma la palla centra in pieno la traversa. Il pericolo corso fa nuovamente alzare il baricentro agli albesi che all’8′ si divorano la possibilità di passare: Marijanovic, solo davanti a De Martino, spara incredibilmente sul portiere, la sfera respinta giunge a Tavella che, a porta sguarnita, calcia incredibilmente alto. Al 19′ il computo dei legni torna in parità, con Anderson che, sugli sviluppi di un corner, incorna indisturbato ma la palla centra in pieno la traversa a portiere battuto. E’ una fase palpitante del match, le squadre rispondono colpo su colpo alle iniziative avversarie e dopo che Cargiolli da due passi costringe la difesa albese in angolo, sudano freddo i tifosi langaroli quando la palla, in mischia, danza pericolosamente nell’area piccola senza che nessun ligure intervenga a correggerla in rete. Sulla ripartenza biancoazzurra è ancora Marijanovic a far correre un brivido al pubblico genovese con un tiro a giro che costringe De Martino alla deviazione in angolo. L’Albese ci crede e al 38′ meritatamente passa: Garrone di testa lancia Marijanovic, il fuorigioco del RapalloBogliasco non scatta e il bomber sloveno solo davanti a De Martino dopo averlo ubriacato con una serie di finte lo supera con freddezza. Gli ultimi minuti sono pura passione per l’Albese che deve ergere un vero e proprio muro davanti a Baudena, vanificando così gli attacchi a dire il vero caotici e disordinati dei ragazzi di Sesia. Che, con la sconfitta odierna, salutano definitivamente la corsa alla vetta lasciando strada alla Giana Erminio e la seconda posizione al Borgosesia, mentre l’Albese si scrolla di dosso la zona play out e può nuovamente tirare un sospiro di sollievo. RAPALLOBOGLIASCO: De Martino, Cintoi, Rolando (36’st De Vincenziis), Borretaz, Porro, Corteggiano, Costantino, Brognoli, Taddeucci (6’st Cargiolli), Franca, Siani (16’st Leo). A disp. Carpi, Vaira, Vegge, Ferrari, Iannelli, Trani. All. Sesia ALBESE: Baudena, Picone, Nebbia, Anderson, Roveta, Incontri, Poli, Gallesio, Marijanovic, Garrone, Tavella (30’st Modini). A disp. Tarantini, Gambino, Berardo, Delpiano, Cornero, Sese, Fiandaca, Colla. All. Rosso Arbitro: Cavallina di Parma RETE: 38’st Marijanovic NOTE: Ammoniti Corteggiano (R ), Marijanovic, Poli, Anderson (A)