Notizie

CON CUORE E GRINTA L’ALBESE PIEGA IL CHIERI

I torinesi in vantaggio al 39′ con Alberti, nella ripresa al 52′ risponde De Rosa e poi al 91′ Santoro sigla la rete del meritato successoALBE

I torinesi in vantaggio al 39′ con Alberti, nella ripresa al 52′ risponde De Rosa e poi al 91′ Santoro sigla la rete del meritato successo ALBESE : CHIERI: 2 – 1 RETI: 39′ Alberti (C), 52′ De Rosa (A), 91′ Santoro (A) ALBESE: Dutto, Nicolini, Del Buono (20’st Ferrari), Nebbia, Patrini, Antonelli, De Rosa, Odino, Santoro, Cusano (28’st Ligotti), Cornero A disp.: Marengo, Boffa, Verney, Tranchero, Gaia All: Rosso CHIERI: Salvalaggio, Migliore, Balzo, Pancrazio, Micarelli, Graci, Didu, Marangone, Alberti, Parisi, Montante A disp.: Ignazzi, Ricciardi, Mazzocca, Campanaro, D’Iglio, Pupillo, Soha All.: Gardano ARBITRO: Sig. Tardino di Milano ASSISTENTI: Sig.ra Rabissoni di Paola e Sig. Kaza di Modena Note: pomeriggio nuvoloso con temperatura non freddissima, campo in discrete condizioni con circa 350 spettatori. Prima della partita è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria del Commissario Tecnico Campione del Mondo “1982” Enzo Bearzot. Ammoniti: Nicolini e del Buono (A), Salvalaggio, Migliore, Marangone e Alberti (C). Recupero pt. 0′, st. 3′ ALBA: Il 2011 si apre con una bella vittoria dell’ALBESE, ci andava e ci speravano veramente tutti. Finalmente tre punti per infondere una bella iniezione di fiducia a questi ragazzi e al loro mister che, comunque sia andata fino ad oggi, non hanno mai deluso e soprattutto mai mollato. Con un cuore grosso così, una voglia, una tenacia e grinta da vendere il Chieri viene piegato allo scadere. Poco tempo fa una partita così l’avremmo forse persa in questo modo, oggi è girato per il verso giusto, forse il vento è cambiato, forse qualcosa ogni tanto ci viene riconosciuto. Giustamente. Ancora una volta il tecnico Rosso deve fare i salti mortali per mettere insieme una formazione accettabile viste le assenze per squalifica di Chiatellino e Cora e gli influenzati dell’ultima ora di Di Lorenzo e Sacco. Inoltre non al meglio sia Odino e Patrini e il rientro dall’infortunio sia di Cusano che di Ferrari, ovviamente a corto di preparazione. Insomma un quadro anche disarmante ma i ragazzi rimasti rispondono alla chiamata sull’attenti, si incoraggiano e affrontano la partita con la solita decisione sprezzanti delle difficoltà che andranno ad affrontare. A complicare ulteriormente le cose arriva anche lo svantaggio, che tramortirebbe un bufalo, ma con coraggio e vitalità gli albesi si rialzano e con caparbietà trovano la vittoria nel primo minuto di recupero. Non sembra neppure vero. E’ un’Albese viva già all’avvio aggredisce con continuità e mette pressione al Chieri molto attento agli spazi. Il primo tiro in porta è di Nebbia al 9′ su punizione, forte ma centrale, i torinesi agiscono prevalentemente di rimessa e in una di questa, 20′, Parisi decentrato scocca una saetta che si stampa sul palo pieno!! Sospiro di sollievo. I biancoazzurri continuano a tessere la loro tela con qualche problema a finalizzarla, il Chieri sornione attende e riparte a folate come al 39′ quando Parisi vince ben tre rimpalli e serve centralmente il solo Graci, su cui chiude in uscita Dutto, la palla a Alberti che in solitudine e a porta vuota infila indisturbato. 0 a 1 un film già visto, gli albesi giocano e i rivali vanno in vantaggio. Il copione resta uguale ma al 44′ ancora un brivido ospite: Parisi su punizione centra un’altro palo! La ripresa vede i langaroli ancora tonici e ancora generosi nel proporsi, questo atteggiamento viene premiato al 52′: uno scambio con Santoro libera De Rosa che in diagonale fulmina l’ex di turno Salvalaggio. 1 a 1 e si ricomincia. Il Chieri prova a scuotersi e avanza mentre gli albesi rifiatano. A loro favore qualche angolo ma nulla più poi ritornano gli albesi pur facendo sempre tanta fatica ad arrivare alle conclusioni in porta. Si arriva al 77′ quando è Antonelli che imbuca su punizione ma è bravo Salvalaggio a mettere lontano mentre al 79′ grosso pericolo in area albese: Didu serve con il contagiri Montante che si presenta solo davanti a Dutto che in uscita sventa imperiosamente con i piedi!! La partita si avvia alla conclusione con l’Albese proiettata a sfornare un ultimo sforzo per ottenere una vittoria che sarebbe un momentaneo grande toccasana. A tempo scaduto Antonelli pennella una palla da oltre 30 metri per la proiezione di Santoro, il bomber in corsa lascia fare un rimbalzo al cuoio poi di sinistro bombarda nell’angolino imparabile per un proteso Salvalaggio! 2 a 1 ed è un orgasmo nell’urlo liberatorio di tutti i tifosi!! Non è finita perchè all’ultimo secondo e su una punizione del solito Parisi, il nostro Dutto è strepitoso nella deviazione volante. Vittoria e grande giubilo in campo e sugli spalti. Bravi e grazie ragazzi anche da parte di questo numeroso pubblico oggi presente all’Augusto Manzo!! Domenica trasferta a Sarzana, un’altro cliente difficile ma non ci si può fermare adesso. Piero Cornero LE INTERVISTE Il Presidente FRANCO RAVA: “Personalmente sono e rimango convinto che questa sia una squadra che può fare bene, a maggior ragione con gli ultimi rinforzi può e deve raggiungere l’obiettivo che ci siamo dati cioè la salvezza. Sicuramente la fortuna ha uno spazio importante, magari non il massimo della buona sorte ma ogni tanto se si ricorda di noi ne siamo tutti felici. Oggi questi ragazzi hanno soprattutto giocato bene e hanno avuto quel pizzico di buona sorte raggiungendo il massimo del risultato a tempo pressoché scaduto. C’è da aggiungere che è da inizio anno che mister Rosso non è in grado di mettere in campo una formazione titolare, è sempre stato alle prese con infortuni e squalifiche, speriamo che tutto ciò sia finalmente finito. Comunque oggi un grosso elogio a tutti i ragazzi veramente, tre punti fondamentali che devono avere un seguito anche domenica nella delicata trasferta di Sarzana.” Mister GIANCARLO ROSSO: ” Noi non abbiamo più tempo, non c’è più nessun margine quindi la strada è quella di lottare per la vittoria, quella è stata fortunatamente. Purtroppo anche oggi eravamo in difficoltà avendo l’organico al lumicino, tra squalifiche e influenze, giocatori che rientravano, insomma una situazione difficile ma i ragazzi hanno ancora capito e si sono sacrificati oltremodo. Queste partite ci riconciliano con il calcio, ha vinto sicuramente la squadra che ha saputo soffrire di più. Nel primo tempo abbiamo fatto molto bene e paradossalmente abbiamo concesso tre palle gol nitide al Chieri, propositivi il giusto ma un po’ ingenui sotto il profilo tattico poi nella ripresa, forse anche in modo confusionario e non molto razionale, abbiamo cercato con tutte le forze la vittoria e questo è lo spirito che voglio e che ci deve accompagnare fino alla fine. L’Albese Calcio non era morta prima e non è resuscitata adesso, noi le partite le abbiamo sempre giocate un po’ con tutti e a tratti anche meglio di oggi però ci era andata male, noi dobbiamo trovare un certo equilibrio di risultati che ci diano più forza mentale. Un aspetto molto importante che il nostro “bomber” sia tornato al gol, noi non possiamo fare senza Santoro e le sue realizzazioni”