Notizie

JUNIORES NAZ.: SESTRESE – ALBESE 2 – 0

28 novembre 2009 – 11.a giornataBRUTTA PARTITA DELLA JUNIORES BATTUTA A GENOVASESTRESE: Ramirez, Parodi, Piscitelli, Stabile, Schenal, Deodato (32′ pt Pis

28 novembre 2009 – 11.a giornata BRUTTA PARTITA DELLA JUNIORES BATTUTA A GENOVA SESTRESE: Ramirez, Parodi, Piscitelli, Stabile, Schenal, Deodato (32′ pt Piserà), Vassallo, Grossi, Petkovic, Novelli (35′ pt Scapin), Saracco (27’st Bianchi) A disp.: Moraglio, Sanfilippo, Rapetti, Baracco All.: D’Alierno ALBESE: Fenocchio, Molinaro, Di Prima, Aimo, Clerico (5’st Delpiano), Valsania, Cornero, Drago (7’pt Deninotti), Eusebio, Vacca (15’st Fissore), Biestro A disp.: Empolesi, Cuccu, Tranchero, Gerlotto All.: Mascarello RETI:20′ Saracco 85′ Stabile ARBITRO: Sig. Camardi di Genova ASSISTENTI: Sig.ri Raimondo e Ursi di Genova Note: Pomeriggio con pallido sole, temperatura calda e campo in sintetico. Circa 40 spettatori. Ammoniti: Valsania, Vacca e Biestro (A) Stabile (S). Recupero pt. 2′, st. 3′ GENOVA – Dopo una serie di partite utili con miglioramenti tangibili, la sconfitta interna di sabato scorso contro la Lavagnese ma giocata comunque con tanto ardore, la Juniores vista oggi ha drasticamente fatto, sul piano del gioco, un bel passo indietro. La Sestrese, una squadra con buone potenzialità ma abbordabilissima da nostri ragazzi, ha sfruttato in pieno le occasioni costruite e anche meritato di vincere l’incontro. Sotto questo aspetto non ci piove, l’Albese giovane si è dimostrata arruffona, con poche idee e congegnate male, con rare occasioni da sfruttare. La dea bendata, ma non deve essere un appiglio, non ha voluto dare una mano a Mascarello che per tutto l’arco dei novanta minuti ha dovuto fare i conti con gli infortunati a raffica e anche ad un palo interno clamoroso. Al fischio d’avvio sono i liguri a proiettarsi in avanti e già al 5′ una giravolta in area di Saracco mette i brividi alla schiena. I biancoazzurri quando devono fare la partita patiscono le pene dell’inferno, la circolazione della palla è raffazzonata, dal centrocampo in avanti è difficile vedere passaggi utili per qualcuno. La Sestrese non gioca meglio ma è più motivata con la difesa albese che in qualche modo regge l’urto. Su punizione, al 20′, il vantaggio dei padroni di casa: battuta lunga di Vassallo dove trova l’elevazione di Saracco che con una testata mette dentro. 1 a 0. In qualche modo la reazione albese avviene pur senza essere quantificabile, se non altro concedono poco. Solo verso la fine della prima frazione Fenocchio si fa trovare pronto su botta di Petkovic e viene graziato, nonostante la pronta uscita, sull’incursione laterale di Vassallo con il cuoio che sibila a lato. Dopo il riposo tutti attendono un’Albese più reattiva e con qualche idea in più. Purtroppo la partita segue un canovaccio già visto nei primi quarantacinque minuti. Sono anche sfortunati. All’8′ un tiro cross di Di Prima colpisce l’interno palo e finisce sull’arrembante Eusebio che mette a lato!! I ragazzi di Mascarello ci provano, cercano quelle geometrie oggi perdute, provano a spingere ma pare non esserci l’ispirazione e quindi anche le giocate giuste. La Sestrese, dal canto suo, pur non essendo trascendentale arriva con più facilità dalle parti di Fenocchio come al 65′ quando Vassallo (sempre lui!) cerca il fendente in diagonale ma il buon Fenocchio mette in angolo. Subito dopo è Eusebio ad imbeccare il taglio di Fissore che anticipa il portiere con tocco felino ma la sfera lambisce il palo e si perde sul fondo. Su una galoppata laterale del buon Molinaro Simone nasce un traversone malefico sul secondo palo dove l’appostato Eusebio, pronto per il colpo decisivo, viene anticipato di un soffio da un difensore locale. La girandola degli infortunati colpisce anche Deninotti, che per i cambi esauriti, lascia i ragazzi albesi in 10 uomini. Mancano cinque minuti alla fine dell’incontro e da calcio d’angolo nasce il raddoppio della Sestrese si incunea felicemente Stabile e con un colpo di testa insacca il 2 a 0 finale. Da questa partita obiettivamente c’è poco da salvare se non un buon Fenocchio e un ottimo Molinaro Simone però con una maggiore applicazione negli allenamenti, una maggior attenzione anche psicologica, il sapersi specchiare meno questa squadra ha tutto per tornare quella formazione dei 10 punti in quattro partite. Da queste gare bisogna ripartire sin da sabato prossimo quando al “Coppino” arriverà la Sarzanese. Calcio d’inizio alle ore 14,30. Piero Cornero