Notizie

L’ALBESE CADE DI MISURA A TORTONA

Il Derthona si vendica con gli interessi della sconfitta rimediata in avvio di campionato contro l’Albese, infliggendo agli uomini di Rosso il nono stop s

Il Derthona si vendica con gli interessi della sconfitta rimediata in avvio di campionato contro l’Albese, infliggendo agli uomini di Rosso il nono stop stagionale, una caduta che vale doppio perchè consente ai tortonesi di agganciare proprio i langaroli in classifica e risucchiarli così in piena zona play out. Su un campo reso pesantissimo dalla pioggia caduta nella notte e in alcuni tratti della gara, l’Albese disputa una partita opaca contro una formazione ampiamente alla propria portata, concede una rete nel primo tempo e, cosa preoccupante, non riesce a reagire, non arrivando mai a creare una reale occasione da rete dalle parti di Lamantia. A parziale attenuante per gli uomini di Rosso, le due defezioni di peso di Incontri e Nebbia che non recuperano dagli infortuni degli ultimi giorni e devono accomodarsi in panchina. Ecco quindi che, davanti all’esperto Baudena, l’allenatore langarolo schiera Anderson e Roveta centrali e i giovani Picone e Gambino sugli esterni, piazza a centrocampo il ’94 Boggione al fianco di Garrone e Gallesio e in attacco, a supporto della punta Marijanovic, gli esterni albesi Cornero e Delpiano. Nel Derthona del richiamato tecnico Scarnecchia, debuttano dal primo minuto i tre nuovi innesti Priolo e Stankovic in difesa e l’ex Pro Dronero Dario Serra subito promosso capitano. E proprio l’ex centrocampista di Alessandria e Casale si rivela un’autentica spina nel fianco della difesa albese, con Gambino che già al 2′ deve compiere un bell’intervento in scivolata per anticiparlo prima che batta a rete da buona posizione. Al 18′, però, nulla può il giovane esterno biancorosso, ubriacato dalle finte di Serra bravissimo poi a telecomandare il pallone sulla testa dell’indisturbato Chirico che da due passi deposita la sfera in rete. Sulle ali dell’entusiasmo il Derthona continua a premere e un minuto dopo lo scatenato Serra serve in area Serlini la cui conclusione centrale viene deviata in angolo da Baudena. Al 27′ timide proteste dell’Albese quando Lamantia in uscita anticipa Delpiano fuori dall’area di rigore, ma le immagini della gara su www.derthona.it confermano come il portiere alessandrino tocchi la palla con il petto e non con il braccio. Al 29′ ancora un’azione pericolosa dei padroni di casa con Gillio che, dopo un batti e ribatti in area albese, riceve palla al limite facendo poi partire un tiro che termina di poco alto sopra la traversa. Bisogna aspettare il 32′ per vedere in azione l’Albese, quando Gallesio serve in area con il contagiri Cornero la cui conclusione di prima intenzione è facile preda di Lamantia. L’ultimo sussulto della prima frazione di gioco è ancora di marca bianconera con Serlini che, smarcato a centro area da Serra, conclude a botta sicura ma Baudena di piede devia la sfera in angolo. Se il primo tempo era stato abbastanza noioso e avaro di emozioni, la ripresa è decisamente soporifera. Rosso, per contenere lo scatenato Serra, inserisce Modini per Gambino arretrando Cornero in difesa l’Albese così avanza il baricentro, esercita un maggior possesso palla ma risulta carente negli ultimi 16 metri come testimonia l’assenza di vere palle gol per l’undici biancorosso. Anche il Derthona, da par suo, non arriva mai a impensierire realmente Baudena, e quando al 24′ Chirico serve in area Esanu, Picone è bravo a far scudo con il proprio corpo e a deviare la palla in angolo. Il finale di gara è ad appannaggio degli ospiti, Rosso inserisce Sese al posto di Delpiano ma l’ex punta del Cuneo non incide, gli attacchi degli albesi risultano troppo caotici e non producono altro che mischie furibonde in area alessandrina. Al triplice fischio finale è palese la gioia dei giocatori tortonesi anche se non manca l’appendice velenosa, con (pochi) ultrà del Derthona a rivolgere insulti razzisti ad Anderson innescando un battibecco con l’ex difensore di Cuneo e Bra, che prontamente da gran signore smorza subito i toni “E’ stata un’uscita sgradevole di un singolo che non merita peso – afferma – fortunatamente i veri tifosi sono altri. Certe parole danno fastidio, ma non voglio dare troppo importanza a questo episodio e tanto meno a questo personaggio”. RETI: 18′ Chirico DERTHONA: Lamantia, Zefi, Mazzocca, Stankovic, Esanu (38′ st Kanina), Priolo, Gilio, La Caria, Serlini, Chirico, Serra (32′ st Tavella). A disp. Ferraroni, Montingelli, De Ruggiero, Carru, Bisio, Diurno, Pellegrino. All. Scarnecchia. ALBESE: Baudena, Gambino (1′ st Modini) Picone, Anderson, Roveta, Garrone, Cornero, Boggione (30′ st Berardo), Marijanovic, Gallesio, Delpiano (16′ st Sese). A disp. Gallino, Poli, Colla, Credendino, Incontri, Nebbia. All. Rosso. Arbitro: Bendandi di Ravenna. NOTE: Ammoniti Priolo, La Caria (D), Roveta (A).Spettatori 200 circa