Notizie

L’ALBESE CREA MA NON PASSA, CON IL CHISOLA E’ 0 A 0

ALBESE – CHISOLA 0-0ALBESE (4-3-3): Pinelli, Cornero, Berardo (20’st Ginatta), Maglie, Nebbia, Rinaldi, Delpiano (25’st Gai), Gallesio, Porta (8&acu

ALBESE – CHISOLA 0-0 ALBESE (4-3-3): Pinelli, Cornero, Berardo (20’st Ginatta), Maglie, Nebbia, Rinaldi, Delpiano (25’st Gai), Gallesio, Porta (8’st Sese), Garrone, Colaianni. A disp. Baudena, Spada, Zefi, Balestrieri. All. Rosso CHISOLA (4-3-3): Salvalaggio, Biasiotto, Picollo, Giordano, Di Benedetto, Viola, Carita’, Iorianni, Surace (20’st Meitre), Barison, Carulli (46’st Porporato). A disp. Bellanno, Tesio, gallione, Barbero, Dotti. All. Sangregorio Arbitro: Scordo di Novara Note: Spettatori 200 circa. Partita disputata sul campo sintetico “Coppino” per indisponibilita’ dello stadio San Cassiano. Espulso Gai (A) al 46’st per gioco pericoloso, ammoniti Berardo, Gallesio, Colaianni (A), Biasiotto, Picollo e Viola (C) ALBA – Il ritorno dell’Albese nella sua casa storica del Coppino, a causa del concomitante impegno casalingo della Femminile Alba, coincide con il primo mini-passo falso della squadra di Rosso che, dopo cinque vittorie consecutive (sette se si considera la Coppa Italia), pareggia contro un Chisola sin troppo rinunciatario, arroccato per 90′ nella propria metà campo ma pronto a pungere in contropiede. Nasce così una gara che l’Albese, priva dal primo minuto del bomber Gai fermato alla vigilia da una fastidiosa forma influenzale e sostituito dall’ex Asti Porta, domina mantenendo saldo il pallino del gioco, creando numerose occasioni da rete nonostante una manovra non sempre fluida, e recriminando per alcune inquietanti decisioni arbitrali che hanno finito per condizionare pesantemente il risultato finale. Dopo una prima fase di studio nella quale l’Albese cerca di far circolare palla con l’intento di aprire la serrata retroguardia ospite, i locali iniziano a premere con maggiore insistenza e al 20′ affondano con Colaianni che viene pesantemente contrato in area. Per l’arbitro è simulazione e il baby-bomber finisce sul taccuino. Al 28′ è Delpiano dal limite dell’area a cercare la via della rete ma la sua conclusione termina di poco a lato. Un minuto più tardi a cercare la rete è Porta da posizione defilata ma Salvalaggio fa buona guardia, superandosi alla mezz’ora stoppando in uscita Porta ben imbeccato da Colaianni. Al 38′ ancora Porta di testa non trova la porta mentre al 40′ Colaianni lancia bene capitan Garrone in area ma ancora una volta Salvalaggio in uscita sventa la minaccia. Sul ribaltamento di fronte l’unico sussulto del Chisola con Carità che sfiora il palo dal limite dando l’illusione della rete. L’ultima chance del primo tempo è però ancora di marca albese con Delpiano che conclude centralmente e l’estremo difensore torinese blocca a terra. Nella ripresa il copione non cambia, con l’Albese a fare la partita ed il Chisola a difendersi in 11 dietro la linea del pallone. Al 6′ Rinaldi ci prova dalla lunga distanza, Salvalaggio non trattiene e la palla sfila in corner. Al 18′ si apre una mini-parentesi torinese, con il Chisola che prima impensierisce Pinelli con Surace, quindi costringe l’estremo difensore locale ad un miracolo di piede su conclusione a botta sicura ancora di Surace. E’ solo un episodio, però, perchè l’Albese, comunque meno brillante che nelle giornate precedenti, continua a premere e al 25′ Rinaldi, su calcio di punizione, vede la sua conclusione bloccata da Salvalaggio. Al 30′ ancora recriminazioni in casa Albese: Cornero si invola sulla destra, entra in area e Giordano lo affossa ma per l’arbitro è tutto regolare. Al 35′ è ancora Rinaldi a cercare il gol dalla lunghissima distanza ma il portiere ospite si distende e devia in angolo. Al 40′ Colaianni viene cinturato vistosamente da Biasiotto all’interno dell’area di rigore ma il signor Scordo, oggi chiamato a dirigere davanti all’ex arbitro internazionale Pierluigi Pairetto, fa segno di proseguire. Il forcing albese porta ancora a qualche mischia e ad un pallone non deviato di un soffio da Garrone a tu per tu con il portiere. In pieno recupero l’ultima “perla” del direttore di gara: il neo entrato Gai calcia in simultanea il pallone con Meitre che rimane a terra: ci sarebbe da discutere sugli estremi del fallo ed invece il signor Scordo estrae il rosso diretto per il bomber albese tra lo sconcerto generale. Al triplice fischio finale rimane la soddisfazione per una striscia positiva che continua a perdurare e per una serie di risultati giunti dagli altri campi che consentono all’Albese di continuare a guidare la classifica con un buon distacco. Prossimo appuntamento mercoledì nel turno infrasettimanale sul campo del Saluzzo. I RISULTATI DELLA 6° GIORNATA AIRASCACUMIANESE – CAVOUR 0-1 ALBESE – CHISOLA 0-0 BUSCA – OLMO 2-2 CASTELLAZZO – SALUZZO 3-0 CBS – ACQUI 0-0 CHERASCCHESE – CENISIA 0-1 LIBARNA – LUCENTO 1-1 PINEROLO – PRO DRONERO 0-1 VALENZANA – BENARZOLE 0-0 CLASSIFICA ALBESE 16 PRO DRONERO 13 ACQUI 12 CBS 11 CASTELLAZZO 11 PINEROLO 9 CHISOLA 8 AIRASCACUMIANESE 8 CENISIA 7 VALENZANA 7 CAVOUR 7 LUCENTO 5 BENARZOLE 5 LIBARNA 5 OLMO 5 BUSCA 5 SALUZZO 5 CHERASCHESE 5

Porta ha esordito dal primo minuto