Notizie

L’ALBESE SPRECA TANTO, LA SARZANESE NE APPROFITTA

I liguri in doppio vantaggio, l’Albese nella ripresa cresce ma spreca l’inverosimile: due rigori e un palo pienoSARZANESE – ALBESE: 2 – 0RETI: 22&ac

I liguri in doppio vantaggio, l’Albese nella ripresa cresce ma spreca l’inverosimile: due rigori, un palo pieno in aggiunta alla traversa del primo tempo. SARZANESE – ALBESE: 2 – 0 RETI: 22′ Baudinelli, 46′ Angelotti SARZANESE: Mozzachiodi, Siragusa, Palmero (22’st Lamioni), Sassarini, Buccellato, De Martino, Angelotti, Sabatini, Spinaci (30’st Marchi), Baudinelli, Innocenti (36’Michi) A disp.: Bertagna, Salku, Codacci, Fumarolo All.: Di Muri ALBESE Dutto (28’pt Marengo), Cora, Nebbia, Odino (5’st Ferrari), Vallefuoco, Antonelli, Di Lorenzo ( 37′ pt Cornero), Sacco, Santoro, Cusano, De Rosa A disp.: Ligotti, Boffa, Delpiano, Rossotti All.: Rosso ARBITRO: Sig. Baroni di Firenze ASSISTENTI: Sig.ri Scarpa e Iotti di Reggio Emilia Note: Pomeriggio assolato, venticello gelato, campo molliccio con circa 150 spettatori. Espulso al 16’st Siragusa (S) per intervento falloso in situazione di chiara occasione da rete. Ammoniti: Mozzachiodi, Siragusa e Michi (S) Nebbia e Cusano (A). Al 20′ pt il portiere Luca Dutto esce per infortunio e viene trasportato all’ospedale di Sarzana da dove il rientro in serata. Per il portiere una botta al ginocchio con sospetta frattura, lunedì gli accertamenti approfonditi. Recupero pt. 3′, st. 5′. SARZANA: La trasferta di Sarzana si è trasformata quasi in un incubo dove per uscirne è necessario sicuramente rimanere calmi e soprattutto uniti. Per tanti motivi, che andremo a sviscerare, il viaggio che ha condotto l’Albese per la partita contro la Sarzanese non è mai stato foriero di belle notizie a cominciare ovviamente dall’organico dove di ora in ora mister Giancarlo Rosso era costretto a monitorare e fare la conta per avere la possibilità di schierare una squadra in campo, qualcuno che si potesse sedere in panchina e se possibile da poter sfruttare a partita in corso. La domenica mattina l’ennesima tegola: Patrini influenzato in aggiunta ai già sicuri assenti: Emiliano, Chiatellino, Nicolini, Del Buono, Cagnasso, Russo e con Odino, Di Lorenzo e Vallefuoco in non perfette condizioni atletiche, quindi un quadro decisamente allarmante. Durante la partita poi Dutto ha avuto un scontro con Baudinelli e trasportato all’ospedale (frattura del condilo femorale prognosi con probabile assenza di almeno 60 giorni ), Di Lorenzo con problemi muscolari e Odino anch’egli alle prese con problemi ad una caviglia. Del lato agonistico, in senso stretto dell’incontro, le notizie non sono migliori, un match per certi versi buttato al vento più per demeriti nostri che merito della Sarzanese, un primo tempo dove i biancoazzurri hanno fatto molto poco e una ripresa molto decisa ma con un’imprecisione al tiro quanto meno preoccupante. Al fischio d’avvio le formazioni in campo sono molto attente a non sporgersi troppo e per i primi venti minuti non succede praticamente nulla. Su un lancio dalle retrovie si invola Baudinelli in chiara posizione di off side, ma la punta, nonostante il fischio dell’arbitro, cerca la palla ugualmente ma colpisce Dutto, proteso in presa bassa, ad un ginocchio. Gesto comunque molto brutto ed ampiamente evitabile.Il nostro portierone stoicamente resiste zoppicando vistosamente e dopo due minuti, su una ripartenza albese, Antonelli sbaglia ingenuamente un appoggio e i liguri ne approfittano. Gli albesi stavano risalendo e vengono presi a loro volta di infilata da Angelotti che tranquillamente calibra sul secondo palo dove un indisturbato Baudinelli non ha difficoltà ad insaccare. L’Albese si scuote e al 25′ e su una bella punizione dal limite Cusano scheggia la traversa superiore a portiere ampiamente battuto! Dutto non ce la fa entra Federico Marengo “classe 1993” esordio assoluto nella categoria. Nonostante un gioco non proprio brillante l’Albese cresce però si concede alle ripartenze dei liguri e in una di questi al 45′ Spinaci si trova da solo al cospetto del nostro giovane portiere che è attento e bravo a costringere al tiro angolato l’attaccante, un conclusione troppo angolata che si perde sul fondo! Nella ripresa le cose migliori o peggiori a seconda come si vuole interpretare. Al 1′ Baudinelli si invola solo ma Marengo è ancora attento e in uscita con i piedi mette in angolo, dal corner conseguente ne nasce un parapiglia con conclusione di Buccellato e sottomisura Angelotti, con una ginocchiata, gonfia l’angolino. 2 a 0 per la Sarzanese senza spada ferire. I nostri ragazzi adesso fanno vedere quello che possono e devono fare, alzano baricentro e ritmo, il gioco non è preciso ma almeno il cuore batte forte. Rischiano ancora con un tiro basso di Angelotti che sibila a fil di palo poi Ferrari entra in azione: prima con una rasoiata liberata da un difensore dalla porta ormai sguarnita, poi serve centralmente Cusano che con il piattone indirizza la sfera sul palo pieno!! Gli albesi sono furenti e spingono sull’acceleratore, 61′ Cusano, dopo uno scambio con Santoro, si libera in area ma viene abbattuto da Siragusa con giusto conseguente penalty ed espulsione del difensore, Sarzanese con 10 effettivi in campo. Alla battuta, lenta, Santoro alla destra del portiere che in volo intercetta e con un pugno allontana. Delusione grossa. Ferrari a destra è un vero folletto prima cerca il pallonetto su Mozzachiodi aiutato da Sassarini che allontana e poi sforna continui invitanti traversoni come all’80’ dove Santoro intercetta e con una testata manda fuori forse di un paio di millimetri!!Su punizione a giro ci prova Cusano ma Mozzachiodi in acrobazia alza sopra la traversa e all’83’ ancora Ferrari calibra dentro, Cornero di sponda per Santoro a due passi, giravolta ma il portiere ligure è piazzato e blocca. Nell’ultimo contropiede Sassarini elude Marengo e centra la la porta ma Lamioni è sulla traiettoria e respinge diventando difensore alleato aggiunto albese. Nei minuti di recupero Cusano si incunea in area e ancora una volta viene abbattuto con altro penalty assegnato, ma proprio il nostro attuale capocannoniere riesce a farsi parare la conclusione, debole e poco angolata, dal bravo, e oggi insuperabile, portiere sarzanese. Partita finita con tante ferite da leccare, oggi probabilmente neanche con le mani avremmo potuto segnare. Finalmente però in settimana ci si potrà confrontare, ci si potrà allenare, l’organico comincerà ad assumere toni meno allarmistici per cercare di uscire da questa situazione che potrebbe diventare drammatica. Di tempo fortunatamente ne esiste ancora, non bisogna più sprecarne però, domenica arriva l’Acqui, avversario difficile ma non si può più aspettare, un avversario vale un’altro quindi…carica!!!! Piero Cornero