Notizie

PER L’ALBESE LA SCONFITTA AD OPERA DEL RIVOLI E’ UN GRAVE PASSO FALSO

In vantaggio con una splendida punizione di Antonelli e con una prestazione discreta merita anche il raddoppio ma nel finale sciupa tutto e Fabbrini ne approfit

In vantaggio con una splendida punizione di Antonelli e con una prestazione discreta merita anche il raddoppio ma nel finale sciupa tutto e Fabbrini ne approfitta con una doppietta ALBESE – RIVOLI: 1 – 2 RETI: 25′ Antonelli (A), 75′ 91′ rig. Fabbrini (R) ALBESE: Dutto, Casapulla, Nebbia, Emiliano, Grillo, Antonelli, Del Buono (31’st De Rosa), Di Lorenzo, Santoro, Chiatellino, Nicolini (38’st Cornero) A disp.: Marengo, Morra, Boffa, Clerico, Cora All.: Rosso RIVOLI: Randazzo, Battaglia, Ahmed, Borin, Maglie, Cretazzo (1’st Fabbrini), Dutto, Salafrica, Monteleone (1’st Mignano), Cravetto (28’st Sciannimanico), Lopes A disp.: Panetta, Carini, Bertino, Sillano All.: Bassani (Scola in tribuna per squalifica) ARBITRO: Sig. Gentile di Lodi ASSISTENTI: Sig. Piazzalunga di Bergamo e Sig.ra Frasson di Busto Arsizio Note: Pomeriggio nuvoloso ma non freddo, campo in discrete condizioni con circa 300 spettatori. Espulso al 52′ Maglie (R) per fallo da ultimo uomo Ammoniti: Dutto e Lopes (R), Grillo, Antonelli e Del Buono (A). Recupero pt. 1′, st. 5′. ALBA:Con un finale sciagurato l’Albese regala una vittoria insperata al Rivoli. Sia nel bene che nel male siamo sempre noi a leccarci le ferite. La partita di oggi ha semplicemente detto, come in altre numerosissime volte, che se in campo c’era una squadra che doveva vincere era l’Albese punto e a capo ma purtroppo con due sciocchezze si consegnano i tre punti ad un Rivoli che non meritava neanche il pareggio. Nonostante le difficoltà organiche ma con il recupero di Santoro, Nebbia, Del Buono e Chiatellino, mister Rosso presenta in campo una formazione vicina a quella che potrebbe essere quella ideale anche se le defezioni sono importantissime: Di Renzo (squalificato), Sacco e Cusano infortunati. Con gli stimoli a mille per raggiungere una vittoria, che sarebbe vero ossigeno per il morale e per la classifica, i biancoazzurri danno vita, e per l’ennesima volta, ad un match intenso tatticamente e atleticamente, finalmente una bella rete , un palo devastante e altre occasioni e poi? Due stupidaggini che permettono a Fabbrini (ex professionista del Torino e serio vero giocatore) di approfittare con spietato cinismo. In sintesi la partita è tutta qua, il Rivoli degli ex: Gharizadeh, Ahmed, Cravetto, Randazzo, Maglie e mister Scola nulla possono fare sulle sfuriate albesi, soccombono e non riescono ad alzare testa ma sono bravi e lesti ad approfittare nel finale. L’Albese oggi ha sicuramente una voglia matta di fare suo l’incontro, il match si mette in moto senza acuti con ambedue le formazioni molto accorte tatticamente. I torinesi usufruiscono di due punizioni dalla grande distanza ma non portano frutto, l’Albese ne batte una importante al 25′: da oltre 25 metri Antonelli calcia con il telecomando e dirige la palla nel sette dove Randazzo in volo non può arrivare. 1 a 0 finalmente in vantaggio. Qualche minuto dopo è Santoro che si destreggia al limite poi anch’egli cannoneggia violentemente con la sfera che sbatte sul palo pieno, Randazzo è proteso in volo ma con il legno fedele alleato!! Allo scadere del tempo prima è Di Lorenzo a rasoiare improvvisamente e ancora Randazzo d’istinto e con la punta delle dita riesce a mettere sul fondo, e poi Chiatellino ci prova dritto per dritto la il cuoio sibila a lato! Dopo il riordino di idee i biancoazzurri ripartono da dov’erano stati e mettono in difficoltà gli ospiti torinesi, che nel frattempo rimangono in 10 causa l’espulsione di Maglie, pur mancando il colpo risolutivo. Solo al 50′, su una rapida ripartenza del Rivoli, fa venire i brividi: velocità e triangolazioni portano al tiro in diagonle Lopes ma Dutto è splendido e in volo allontana. Da ora solo Albese nell’area altrui ma poco decisa sottoporta con una serie infinita di off-side che, su qualcuno, suscitano forti perplessità. Si arriva quindi al 75′ quando Chiatellino perde palla e il Rivoli affonda creando un batti e ribatti in area dove è furbo e pronto Fabbrini a spingere la sfera nell’angolino. 1 a 1 e tanta disperazione misto rabbia. I ragazzi di mister Rosso si rendono conto della gravità del momento e spingono con furore e continuità e si rendono pericolosi in ben due occasioni: la prima è di Chiatellino con un radente dal limite dove il bravo Randazzo tocca con le unghie di quel tanto da mettere sul fondo, poi è la volta di Cornero, imbeccato lungo da De Rosa, da sottomisura colpisce di ginocchio con la palla che si perde un metro sul fondo!! Nel primo minuto di recupero Grillo cincischia in area e si fa soffiare la palla da Fabbrini che lavora la sfera e sul quale torna il difensore albese allungando il piede con l’attaccante che ruzzola a terra. L’arbitro decreta il penalty che proprio Fabbrini non sbaglia. 1 a 2 delusione totale. L’orgoglio albese porta ancora Santoro a battersi lateralmente centrando basso trovando Emiliano appostato sul primo palo liberissimo, conclusione violenta ma la sfera termina sul campo d’atletica!! Che dire, è proprio un momentaccio per l’Albese dove pur giocando un buon calcio i risultati non arrivano. Domenica a Borgosesia con coraggio per vincere, questo è l’imperativo. LE INTERVISTE DEL DOPO PARTITA: Mister Rosso: ” E’ difficile capire quindi spiegare cosa è successo oggi, nel momento in cui potevamo e dovevamo chiudere la partita non abbiamo capitalizzato le nostre occasioni. Santoro è tre mesi che manca quindi non può essere al meglio, ha fatto bene ma deve comunque crescere. Purtroppo nel momento in cui abbiamo preso la partita in mano eravamo impossibilitati a chiuderla mentre il pareggio ci ha condizionati oltremodo facendo nascere paure inconsce recenti. Questa è una sconfitta difficile da digerire sotto tutti i punti di vista.” Mister Scola: “Il calcio non si spiega, in 10 bene e male in 11. Una bella vittoria con il cuore da vero gruppo grazie ad un Fabbrini che ci teniamo stretto, purtroppo non può fare tre partite in una settimana ma lui è un vero giocatore. Devo però dire che siamo stati bravi e fortunati al cospetto di un’Albese che ha fatto sicuramente una buona gara, è inutile negarlo però il calcio è strano. Ci godiamo questa vittoria e auguro veramente all’Albese di salvarsi e restare nella categoria che gli compete che è la serie D. Alba è una piazza importante, auguro con il cuore che il Presidente Rava e la sua società riescano a venirne fuori. Piero Cornero