Notizie

RIMONTA SFIORATA, L’ALBESE VICINA AL COLPACCIO CON LA PRO DRONERO

La Pro Dronero si prende i tre punti, fondamentali, “intravede” nuovamente il primo posto, ma deve sudare le fatidiche sette camicie contro l’Al

La Pro Dronero si prende i tre punti, fondamentali, “intravede” nuovamente il primo posto, ma deve sudare le fatidiche sette camicie contro l’Albese dopo aver praticamente dominato per 80′. Sul sintetico di San Rocco Castagnaretta finisce 3-2, con i langaroli che, sotto 3-0, rischiano di fare lo “scherzetto” di Carnevale ai “Draghi”. Un match condotto in lungo ed in largo dai biancorossi che dimostrano tutto il loro potenziale offensivo, con il tridentone Dutto-Melle-Isoardi sempre in gran spolvero, ma anche le solite amnesie ed i momenti di buio che, in passato, sono costati caro. Questa volta non è così: la Pro vince trovandosi così a -3 dal Casale, di nuovo capolista, ed a -2 dalla Valenzana. Bastano 8′ per sbloccare il punteggio, dopo un gol annullato a Melle per fuorigioco: è lo stesso ex Cheraschese ad imbeccare in profondità Dutto, il quale approfitta di una difesa malmessa dribblando De Miglio in uscita ed insaccando il pallone dell’1-0. Nonostante il 4-2-3-1 messo in campo da mister Rosso, con Gai supportato da Manasiev, Bandirola e Mala, l’Albese non punge e, anzi, sbanda dietro: al 26′ il raddoppio, con l’angolo di Isoardi e l’inzuccata vincente di Galfrè, per il 2-0. Pro che controlla il match e che, a metà ripresa, cala il tris: Dutto si smarca ancora centralmente, con la difesa avversaria che sale ancora male, e la piazza a tu per tu con De Miglio, 3-0. Nonostante gli ingressi di Bosco (nell’intervallo) e di Gallo, l’Albese sembra in balia degli avversari: i biancorossi sfiorano il poker al 68′ quando Franco affonda a destra, supera anche De Miglio e calcia da posizione defilata, trovando il salvataggio in extremis di Grimaldi. Passano 5′ ed altra chance per il 4-0: Caridi in verticale per Dutto che, di fronte a De Miglio, conclude il portiere biancoceleste è super nell’alzare in corner. Ecco che, improvvisamente, cambia tutto: al minuto 80 Manasiev scodella da corner per la testa di Gai che insacca a centroarea, accorciando le distanze. Match che viene riaperto definitivamente all’85’, quando lo stesso Manasiev viene “invitato” al tiro dalla distanza: il centrocampista non esita e calcia, superando nell’angolino Gaggioli, tradito anche dal rimbalzo della sfera. 3-2 e finale concitato: espulso Caridi per proteste, l’Albese spinge alla ricerca del clamoros 3-3 che però non arriverà. La Pro conserve i tre punti fino alla fine e resta agganciato al treno per la Serie D. PRO DRONERO-ALBESE 3-2 RETI: 8′ e 65′ Dutto (P), 26′ Galfré (P), 80′ Gai (A), 85′ Manasiev (A). PRO DRONERO (4-3-3): Gaggioli 5.5, Franco 6.5, Monge 6, Caridi 6.5 (75′ Saccà), Maglie 6, Isoardi L. 6, Brondino 5.5, Galfré 6.5, Melle 6, Dutto 7.5 (83′ Pomero), Isoardi D. 6 (87′ Sangare). A disp. Chiapale, Rosso, Bonelli, Boukhench. All. Caridi 6. ALBESE (4-2-3-1): De Miglio 6.5, Bregaij 5.5 (66′ Gallo), Grimaldi 6, Canonico 6 (75′ Colla), Roveta 5.5, Buso 5.5, Mala 5.5 (46′ Bosco 6), Carluccio 5.5, Bandirola 6, Manasiev 7, Gai 6.5. A disp. Radouane, Del Santo, Mascarello, Mancini. All. Rosso 6. ARBITRO: Franco di Cuneo 6.5. AMMONITI: Monge (P), Bregaij, Bandirola e Gai (A). Espulso Caridi dalla panchina. EP – Redazione Sportiva Ideawebtv.it