Notizie

Sconfitta tra i veleni contro la corazzata St. Christophe

VALLEE d’AOSTE ST. CHRISTOPHE – ACD ALBESE 3 – 1ST. CHRISTOPHE (4-3-1-2) Pomat Marchesano , Scala , Comotto , Bresciani Lorusso (36’st Pramotton

VALLEE d’AOSTE ST. CHRISTOPHE – ASD ALBESE : 3 – 1 ST. CHRISTOPHE (4-3-1-2) Pomat Marchesano , Scala , Comotto , Bresciani Lorusso (36’st Pramotton sv), Proietti , Andreotti Minincleri , (45’st Diano sv) Belluomini , Sogno (40’st Pasteris sv). A disp. Rizza, Torgneur, Aimone, Pierobon. All. Fermanelli ALBESE CALCIO (4-3-3): Rosano Del Buono, Nebbia, Casapulla , Grillo Sacco , Di Lorenzo , (14’st Schena ), Chiatellino Di Renzo, (33’st Paonessa sv), Cusano , Nicolini, (26’st Cornero sv). A disp. Dutto, Mauro, De Rosa, Morra. All. Rosso Arbitro: Lombardi di Brescia MARCATORI: 24′, 19’st Belluomini (S), 35′ Cusano (A), 40′ Comotto (S) NOTE: Giornata soleggiata, campo in perfette condizioni. Spettatori 200 circa. Espulso al 30′ del primo tempo Rosso per proteste e al 23′ del secondo tempo Cusano per fallo da tergo. Ammoniti Bresciani, Andreotti e Proietti per il St. Christophe e Nicolini per l’Albese ST. CHRISTOPHE (AO) – Sconfitta al vetriolo quella rimediata dall’undici di Giancarlo Rosso contro la matricola terribile St. Christophe. I bianco azzurri recriminano infatti per un arbitraggio apparso incerto per buona parte della gara tanto da condizionare alla fine in risultato finale, con due espulsioni fin troppo affrettate tra le fila degli ospiti e alcune decisioni che hanno indirizzato pesantemente la partita verso la Val d’Aosta. L’undici valdostano si presenta all’appuntamento contro i langaroli reduce da cinque risultati utili consecutivi: tre sono le giornate senza sconfitte per la squadra di Rosso, quindi i presupposti per un buon spettacolo ci sono tutte. Ed infatti le due formazioni azzannano la partita subito con il piglio giusto, giocando a viso aperto e creando occasioni da rete sin dalle prime battute, tanto che al 10′ un cross di Andreotti trova Lorusso pronto a battere di testa ma Rosano devia in angolo. Al 25′ il vantaggio locale: Andreotti batte un corner direttamente in porta, Rosano respinge di pugno ma la palla arriva all’altezza del dischetto a Belluomini che, in mezza rovesciata, insacca. L’Albese ricomincia a macinare gioco ma, alla mezz’ora, il patatrac: Cusano lanciato a rete viene atterrato in area da un difensore locale, parrebbe rigore con conseguente espulsione del giocatore valdostano ma il signor Lombardi lascia proseguire tra le proteste del mister Rosso che viene allontanato dal campo. Un minuto più tardi Andreotti con un gran tiro da fuori area centra in pieno il palo, mentre al 35′ a passare è l’Albese: Del Buono pesca Cusano in area, gran tiro a incrociare e Pomat battuto per la gioia dei numerosi tifosi giunti in Valle per applaudire il “conterraneo” Cusano. L’euforia dura poco perché al 40′ una punizione dalla tre/quarti del solito Andreotti trova Comotto solo in area, incornata vincente e nuovo vantaggio locale. Nella ripresa come era prevedibile l’albese si riversa in avanti alla ricerca del pareggio, Chiatellino non trova la porta da buona posizione mentre il neo entrato Schena, da pochi passi, arriva tardi all’impatto con il pallone e sciupa una buona occasione. Gol mancato, gol subito, è questa la regola, e al 19′ lo stesso Belluomini scattato in chiara posizione di off-side prende in contropiede la retroguardia albese e chiude i conti. In campo saltano i nervi e a farne le spese è Cusano, allontanato anzitempo dal campo dopo un’entrata in ritardo su Bresciani. Con un uomo in meno il St. Christophe ha vita facile a controllare e a pungere in contropiede con Sogno, Belluomini e Minincleri e allo scadere il neo entrato Diano da ottima posizione, manda alto sopra la traversa. Amaro il commento a fine gara dell’allenatore albese Giancarlo Rosso ” C’è rabbia perché la partita è stata condizionata pesantemente dall’arbitro. Se nel primo tempo avesse fischiato rigore su Cusano con conseguente espulsione del difensore valdostano, la partita avrebbe avuto sicuramente un’altra storia. Se poi consideriamo che il loro terzo gol era in netto fuorigioco, il quadro è completo. Mi dispiace per la mia espulsione, anche perché non ho offeso l’arbitro né sono stato irrispettoso nei suoi confronti, però in alcuni casi stare zitti è davvero impossibile. Riguardo la nostra prova, abbiamo palesato qualche leggerezza sulle palle inattive dalle quali sono nati due gol, ma in generale la nostra prova è stata discreta. Ora c’è la grana Cusano da affrontare: contro il Seregno dovremo fare a meno di lui, in questo momento in forma strepitosa, e ancora privi di Santoro l’attacco sarà tutto da reinventare”. Di diverso avviso il tecnico valdostano Claudio Fermanelli: tecnico valdostano Claudio Fermanelli ” E’ una vittoria importante e sicuramente meritata. Abbiamo giocato bene, creato occasioni da rete e alla fine avremmo potuto segnare anche la quarta rete. In più siamo scesi in campo con almeno cinque assenze importanti, quindi questa serie di risultati utili consecutivi mi rincuora perché da un lato mi consente di recuperare gli infortunati in tutta calma, dall’altro mi fa capire che posso contare su una rosa molto valida e che, chi viene chiamato a sostituire un infortunato, può fare bene senza farne pesare l’assenza. In attesa della partita con l’Asti siamo primi con il Chiavari e ci godiamo questo risultato, ben sapendo che dobbiamo continuare a lavorare come stiamo facendo se vogliamo fare bene anche nel prosieguo del campionato”