Notizie

SERIE D: PRO SETTIMO EUREKA – ALBESE 0 – 3

29 novembre 2009 – 14.a giornataALBESE STRARIPANTE A SETTIMOPRO SETTIMO EUREKA: Miglino, Pozzi, Mazza, Pizzano (30’st Mirto), Vailatti, Anderson, D’

29 novembre 2009 – 13.a giornata ALBESE STRARIPANTE A SETTIMO PRO SETTIMO EUREKA: Miglino, Pozzi, Mazza, Pizzano (30’st Mirto), Vailatti, Anderson, D’Iglio (19’st Chiarelli), Pantanaro, Cravetto, Santoro, Puddu A disp.: Martello, Comotto, Ceron, Sacco, Liguori All.: Daidola ALBESE: Salvalaggio, Busato E., Nebbia, Cuttini, Staffolarini, Merialdo, Garrone, Odino, Nieto (41’st Busato J.), Pantaleo (8’st Ferrari), Fassina (25’st Gerardi) A disp.: Dutto, Cretazzo, Losa, Maglie All.: Rosso RETI: 47′ pt rig. Garrone, 30’st Gerardi, 40’st Nieto ARBITRO: Sig. Mancino di Tivoli Note: pomeriggio di pioggia con campo scivoloso e con circa 300 spettatori. Espulso al 47′ pt Anderson ammoniti: Mazza e Puddu (PS). Recupero pt. 2′, st. 3′. SETTIMO TORINESE – E’ un’Albese che in questo periodo non concede sconti a nessuno. Con la vittoria di oggi è la terza consecutiva conseguita sul difficile campo della Pro Settimo, fanalino di coda di questo campionato. All’apparenza poteva essere una giornata favorevole, così fortunatamente è stata, ma questo genere di incontri bisogna sempre prenderli con le molle in quanto, tra le loro pieghe, nascondono molteplici insidie. Quindi antenne dritte, giù la testa e pedalare. Questo credo sia stato il succo del discorso che ha fatto mister Rosso ai suoi ragazzi i quali hanno imparato immediatamente la lezione e hanno sfoggiato un’altra partita praticamente da incorniciare, per attenzione, volontà e determinazione. La Pro Settimo, in particolare nel primo tempo, ha provato un po’ tutte le soluzioni per mettere in difficoltà gli albesi, a tratti e in qualche modo vi è anche riuscito arrivando al tiro in diverse occasioni. Nella ripresa, con un uomo in meno, l’Albese ha praticamente gestito a piacimento l’incontro chiudendolo quando ne è arrivato il momento propizio. Al fischio d’avvio i torinesi cercano la presa del territorio e arrivano al tiro (13′) con Santoro ma Salvalaggio è pronto nella presa a terra. I biancoazzurri controllano efficacemente ogni zona di campo e concedono le briciole ai torinesi come al 30′ quando Cravetto mette dentro pericolosamente ma l’uscita tempestiva di Salvalaggio evita a Santoro la comoda battuta. Lo stesso Santoro poco dopo prova da fuori area ma il portierone azzurro abbranca in due tempi che si ripete pochi minuti dopo su fendente di D’Iglio. Strepitoso Salvalaggio al 37′: Pantanaro su una punizione a giro mette sotto l’incrocio ma l’estremo albese vola e smanaccia fuori! Grande! Fino a questo punto è stato il momento dove i torinesi hanno prodotto il massimo sforzo e gradualmente inizia la partita dell’Albese. Corre il 39′ quando Nieto calibra una cannonata su punizione dove colpisce l’incrocio pieno!! Al 46′ arriva il vantaggio dei langaroli: Pantaleo arriva al tiro e la traiettoria della sfera viene interrotta da una manata di Anderson, giusto calcio di rigore ed espulsione del torinese. Garrone alla battuta non sbaglia. 0 a 1. Dopo la pausa degli spogliatoi l’Albese prende in mano decisa le redini dell’incontro, con autorevolezza e caparbietà mentre la Pro Settimo Eureka, in inferiorità numerica, è decisamente meno arrembante dei primi quarantacinque minuti. Subito nei primi minuti una malefica palla messa dentro da Garrone provoca una deviazione a ritroso involontaria della retroguardia locale con il cuoio che si stampa sul palo!! Il gran movimento di Nieto consente al bomber di arrivare al tiro ravvicinato ma Miglino si supera e in acrobazia mette lontano. La Pro Settimo ci prova al 65′ su calcio piazzato e con schemino preparato: Santoro serve largo Pantanaro che allunga sottomisura dove Puddu è pronto ma Salvalaggio è piazzatissimo senza problemi. Arriva al 75′ il raddoppio dell’Albese: Nieto mette una palla filtrante a Gerardi che si presenta davanti all’uscita disperata di Miglino, delizioso pallonetto e palla in fondo alla rete. Partita finita. I torinesi provano a produrre l’ultimo sforzo con la difesa altissima, Nieto, come una furia, si infila ed elude il fuorigioco, tre quarti di campo fatti in volata e dal limite bordata conclusiva con la sfera che scuote la rete. Bello e 3 a 0 conclusivo. Quarto posto in classifica consolidato con 24 punti, un gran bel quarto posto. Domenica prossima l’appuntamento per i tifosi albesi è all'”Augusto Manzo” di S. Cassiano dove arriva la Sarzanese. Fischio d’inizio alle ore 14.30. Piero Cornero