Notizie

SOLITA BELLA E GENEROSA ALBESE, SOLITE ESPULSIONI, SOLITA SCONFITTA

Il Cuneo conquista una vittoria che è frutto sicuramente della sua bravura ma l’Albese, nonostante un arbitraggio sicuramente poco favorevole, tien

Il Cuneo conquista una vittoria che è frutto sicuramente della sua bravura ma l’Albese, nonostante un arbitraggio pessimo, tiene botta fino alla fine con tanto coraggio e passione ALBESE – CUNEO: 2 – 4 RETI: 5’rig. Di Paola (C), 7′ De Rosa (A), 47′ 62′ Fantini (C), 74′ rig. Santoro, 92′ Garavelli (C) ALBESE: Dutto, Cora, Nebbia, Emiliano, Patrini, Antonelli, De Rosa (22’st Cornero), Odino, Santoro, Chiatellino, Ligotti A disp.: Marengo, Sacco, Cusano, Nicolini, Del Buono, Boffa All.: Rosso CUNEO: Tunno, Morabito, Fici (30’st Passerò), Longhi, Roveta, Sentinelli, Galfrè, Lodi, Di Paola, Garavelli, Fantini (47’st Buelli) A disp.: Baudena, Lazzeri, Cappannelli, Giraudo, Garvetto All.: Iacolino ARBITRO: Sig. Pela gatti di Arezzo ASSISTENTI: Sig. Tarchi di S. Giovanni d’Arno e Sig. Pedani di Empoli Note: pomeriggio nuvoloso e freddo, campo in discrete condizioni e in parte gelato, circa 450 spettatori. Espulsi: 47′ Cora (A), 81′ Chiatellino(A) Ammoniti: Odino (A), Longhi e Sentinelli (C). Al 49′ il Presidente Franco Rava è stato allontanato dalla panchina per proteste. Recupero pt. 1′, st. 5′. ALBA: Chiudiamo questo 2010 che in quest’ultima parte ci ha portato una vera agonia. La ciliegina amarissima è stata messa oggi giusto per sottolineare quanto il momento sia estremamente grave. Cari amici che seguite il sito, è veramente difficile stare qui tutte le volte a ripetere sempre le solite cose perchè, in fondo, sono sempre le solite cose trite e ritrite. Alla squadra non si può muovere una critica una, anche oggi ha lottato fino all’estremo delle forze, ha fatto vedere anche tante buone cose ma questa squadra quanto tempo è che mister Rosso non riesce a decidere una formazione ed effettuare cambi adeguati con sufficiente autonomia, con un minimo di rosa su cui scegliere e poter disporre. Tra infortuni gravi e meno gravi, le innumerevoli squalifiche ed il mercato giocatori in continua evoluzione, questo tecnico tutte le domeniche si deve sempre inventare qualcosa e francamente credo di poter dire con assoluta tranquillità che la facilità è un’altra cosa. Ragazzi miei oggi si giocava il derby contro il Cuneo, avversario forte di suo e comunque mai un avversario comune, e con l’estrema necessità di fare qualche punto per la classifica che non ha bisogno di commenti ulteriori ebbene mister Rosso aveva a disposizione praticamente 12 giocatori utili i quali hanno seguito ciecamente le indicazioni del loro allenatore dando vita ad un match intenso fino all’ultima goccia di sudore. In panchina tanti ragazzi ma quasi tutti infortunati oppure arrivati da influenza. In aggiunta vogliamo dire anche fino in fondo dell’incapacità di un arbitro che, con decisioni irrazionali, ha pesantemente condizionato e incattivito un incontro di per sè corretto? Del Cuneo mi limito a dire che non credo abbia bisogno di aiuti aggiuntivi, è squadra forte e attrezzata e poteva anche vincere ugualmente ma mi resta il dubbio sulla controprova con tutti gli effettivi in campo. Si arriva quindi alla conclusione di un’Albese disposta al sacrificio, ma purtroppo non basta per la classifica, ancora due espulsioni grazie all’aretino impazzito, di un Cuneo che ha dimostrato la sua bravura e che ha anche approfittato delle difficoltà in casa albese. Risultato finale 4 a 2 che probabilmente non fa una piega ma nessuno mai mi spiegherà quanto doveva essere e non è stato. L’incontro parte a razzo, scoppiettante come deve essere un derby sentito, derresto il Cuneo sono due anni che non riesce a vincere, le squadre si affrontano a viso aperto e senza fronzoli. Alla prima pseudo occasione il Cuneo passa: 5′ e direttamente su fallo laterale Morabito mette in area salta il neo arrivato Patrini ma in controtempo e d’istinto schiaffeggia il pallone, calcio di rigore netto che Di Paola non sbaglia. 0 a 1 e la rabbia sale. Nemmeno il tempo di esultare per i cuneesi che Chiatellino verticalizza sul taglio di De Rosa il quale controlla in corsa il cuoio e spara dentro superando il bravo Tunno. 1 a 1 e si ricomincia a ragionare. L’Albese ci crede, gioca bene e pressa con arguzia e ardore, cerca e trova percussioni come al 14′ con Chiatellino che si incunea decentrato mettendo radente per l’arrivo di Santoro ma a due passi dalla linea di porta un difensore cuneese spazza lontano! Ci prova poco dopo Antonelli da 25 metri con una cannonata però troppo centrale. Sui laterali d’attacco il Cuneo è sempre pericolosissimo, al 38′ ancora Morabito butta dentro dove si accende una mischia con palla sui piedi di Lodi che da veramente o metri spara nel campo d’atletica! Spavento grande. Ora è il turno del Cuneo, si riprende e alza i ritmi, l’Albese pare rifiatare e rischia qualcosina come al 42′ quando Lodi rasoia con sfera deviata che resta in area dove si avventa Di Paola che rispedisce in porta ma Dutto è reattivo con i piedi e salva. In chiusura di tempo Chiatellino ci prova dai 16 metri ma Tunno è sempre attento. La ripresa è ricca di sorprese ma molto amare per l’Albese. La prima arriva già al 47′ quando Cora entra duro in contrasto sulla linea laterale, giunge l’arbitro visibilmente titubante poi decide per l’espulsione diretta del giovane difensore tra lo sbigottimento generale. Vibrate proteste che ovviamente non portano a niente. Dopo due minuti, con i biancoazzurri ancora in fase di riorganizzazione, Di Paola centra radente e Fantini anticipa tutti al volo insaccando nell’angolino. 1 a 2 e adesso si fa dura. La rabbia dell’Albese esplode, caricano come indiavolati e il Cuneo arretra di brutto. Nebbia si fa trovare pronto all’inserimento e viene servito sulla corsa da dove lascia partite un terra-aria devastante da oltre 20 metri che si stampa sulla traversa con Tunno ampiamente battuto!! Si fa vivo al 55′ Antonelli, bellissima punizione a giro e ancora Tunno vola e mette in angolo! Chiaramente con la spinta costante dell’Albese si aprono varchi in difesa e in uno di questi si infila, 62′, Fantini, e in diagonale lascia partire una forte conclusione, di bellezza e precisione non comune, che si infila sotto la traversa. Il doppio svantaggio ammazzerebbe chiunque ma non questa Albese che imperterrita torna a caricare e arriva ad accorciare con Santoro, rete invalidata da un assistente arbitrale per presunto fuorigioco, forse millimetrico ma non gli passo neppure quello, il nostro bomber è partito almeno un paio di metri buono approfittando dello svarione difensivo di Sentinelli. La rete è solo rinviata, si giunge al 74′ allor quando Antonelli effetua un filtrante per Santoro che controlla ma viene abbattuto da Morabito, penalty ineccepibile che proprio Santoro realizza. 2 a 3, c’è ancora tempo per recuperare ma, per i langaroli, le forze cominciano a scarseggiare, l’unico cambio disponibile è il giovane Cornero e in più Chiatellino viene sorpreso dall’arbitro in un contatto in corsa con un avversario. La decisione è ancora una volta un rosso diretto per il centrocampista albese e sul finire, con l’ultimo assalto della disperazione, il Cuneo ha gioco facile in contropiede e mette il sigillo con il quarto punto con Garavelli. Mai come ora la sosta arriva propiziatoria, qualche giorno per riordinare le idee, per mettere definitivamente a posto l’organico, per rimettere in sesto gli infortunati per poi, dal 5 gennaio 2011 al S. Cassiano con il Chieri, cominciare un’altro campionato più fruttifero di punti e anche un tantino più fortunato con la sorte. La nota positiva della giornata? Un gran bel pubblico al S. Cassiano, che capisce le difficoltà del momento e, nonostante tutto, rimane vicino ai giocatori, questa è la strada maestra e tutti insieme ne verremo fuori. LE INTERVISTE DEL DOPOPARTITA Mister GianCarlo Rosso: “Un sincero plauso a tutti miei ragazzi perchè hanno disputato una grande partita, è spiacevole commentare l’espulsione che poi ha alterato radicalmente tutti gli equilibri in campo, un’espulsione affrettata decretata da un arbitro insicuro e indeciso per tutta la partita. Chiaramente poi con un uomo in meno abbiamo dovuto regalare campo e con un giocatore come Fantini, che va a nozze negli spazi larghi, è devastante nella differenza. L’Albese vista oggi è una squadra che dovrebbe avere un’altra classifica, oggi, come molte altre volte, giochiamo un gran calcio però i conti ci dicono che mancano molti punti all’appello. Con i nuovi innesti, Odino e Antonelli su tutti, la squadra crescerà, nella sosta mi auguro che il Presidente mi faccia un bel regalo di Natale perchè in queste condizioni siamo ancora troppo contati. Ringrazio veramente il pubblico albese per gli applausi di fine partita, questo è un aspetto positivo perchè sentiamo i nostri tifosi vicini e ci aiuta moltissimo.” Mister Iacolino (Cuneo): ” Finalmente a Cuneo hanno sfatato un tabù, mi dicevano che erano due anni che non vincevano con l’Albese, oggi è stato fatto e anche bene. Abbiamo vinto anche meritatamente però francamente non capisco come mai l’Albese abbia questa classifica, ad essere in queste condizioni di classifica. Personalmente mi è sembrata in condizione, che corre, aggressiva il giusto, una buona squadra forse anche grazie agli ultimi rinforzi che le hanno dato una quadratura supplementare. Noi abbiamo fatto bene e questa vittoria è dedicata al nostro Presidente che ci teneva in modo particolare e in ultimo faccio i miei complimenti ai ragazzi i quali sono stati veramente bravi. Sulla prima espulsione albese l’arbitro è nel giusto, è stato un fallo veramente molto cattivo.” Piero Cornero