Notizie

UNA BELLA ALBESE VINCE MERITATAMENTE IL PRIMO ROUND PLAY OUT

Il Rivoli è dominato in lungo e in largo per lunghi tratti, le tre reti portano la firma di Cusano e un doppio ChiatellinoALBESE – RIVOLI: 3 – 0RETI: 20&

Il Rivoli è dominato in lungo e in largo per lunghi tratti, le tre reti portano la firma di Cusano e un doppio Chiatellino ALBESE – RIVOLI: 3 – 0 RETI: 20′ Cusano, 25′ 69′ Chiatellino ALBESE: Russo, Del Buono, Nebbia, Emiliano, Patrini, Antonelli (1’pt Cagnasso ), Chiatellino, Odino, Santoro (18’pt Ferrari ), Cusano (43’st De Rosa ), Nicolini A disp.: Dutto, Cora, Di Lorenzo, Cornero All.: Rosso RIVOLI: Randazzo, Carini, Grillo, Mignano, Maglie, Sciannimanico, Sillano (21’st Miraglio), Dutto, Cravetto (21’st Monteleone ), Cretazzo (28’pt Gharizadeh ),Cupperi A disp.: Paletta, Bertino, Lopes, Battaglia All.: Scola Arbitro: Sig. Piccinini di Forlì Assistenti. Sig. Basutti di Maniago e Sig. Salmaso di Portogruaro Note: pomeriggio di sole con temperatura torrida in campo e sulle tribune, campo in buone condizioni con circa 500 spettatori. Una curiosità: Antonelli si è infortunato, su un allungo di riscaldamento, subito prima del fischio d’avvio, un caso più unico che raro. Ammoniti: Del Buono, Patrini e Chiatellino (A) Grillo, Sciannimanico, Dutto e Cretazzo ( R). Recupero pt. 3′, st. 3′. ALBA: Il campionato è finito da due settimane è per l’Albese ha lasciato in eredità questo epilogo di due partite play out per evitare la retrocessione in “Eccellenza”. Purtroppo non è un gran regalo questo strascico, molto meglio ovviamente i play off delle ultime due stagioni. C’è da dire che la squadra del girone di ritorno assolutamente non merita un posto nei terribili e temibili play out ma non merita neanche la retrocessione in quanto ha dimostrato sul campo quanto è in grado di offrire sommando ben 26 punti, e solo nella seconda parte della regular season, un passo da squadra di alta classifica. Purtroppo i ragazzi del tecnico Rosso pagano oltremisura una prima parte, ricordiamo di 13 punti, dove tanti e troppi fattori hanno inciso sul rendimento dei giocatori. Quindi affrontiamo questi benedetti play out a petto in fuori e senza paura contro questo Rivoli, che nelle partite di campionato sono stati capaci di portarci via ben 4 punti sui 6 previsti, squadra tenace, combattiva arricchita da tanti ex giocatori dell’Albese a cominciare dall’allenatore Michele Scola. Ricordo che per passare definitivamente lo scoglio play out con il Rivoli l’Albese deve fare più punti o un gol in più nell’arco delle due partite di andata e ritorno. Questa stagione e per certi versi la dea bendata non è stata benevola verso l’Albese Calcio, oggi ha voluto dare ulteriormente un segno della sua sinistra presenza. Quando le squadre sono entrate in campo, e mentre i capitani si avviavano all’estrazione del campo con l’arbitro, l’autoparlante annunciava ancora le formazioni, in un esercizio di allungo cadeva a terra Antonelli, subito soccorso con conseguente grave infortunio alla coscia e cambio prima del previsto con Cagnasso. Sicuramente una bella bottarella al piano psicologico dei suoi compagni in campo. Dopo un primo momento di sconforto anche dagli spalti, oggi molto gremiti, cominciano ad arrivare i primi cori d’incoraggiamento e la partita inizia. I torinesi sono subito baldanzosi e tengono alto il baricentro, gli albesi paiono frastornati e tribolano a ritrovare la concentrazione opportuna. In questo frangente (3′) rischiano anche su un’incursione esterna di Cupperi che si incunea in area ma prima di arrivare da Russo, comunque pronto all’uscita, arriva come un treno Patrini e allontana in angola la minaccia. Piano piano l’Albese esce dal primo torpore, e sale di tono la partita, a dare la scossa ci pensa il sempre inossidabile Odino quando al 13′, da posizione decentrata, trova un lob perfetto sul secondo palo ma Randazzo in volo e con la punta delle dita mette in corner!! Subito dopo ancora la dea bendata che si prodiga nei suoi effetti speciali contro l’Albese. Minuto 18′: Santoro accusa un dolore muscolare e viene sostituito da Ferrari. In pratica in 20 minuti fuori causa Antonelli e Santoro, con due cambi effettuati in una giornata caldissima dove le sostituzioni hanno la sua enorme importanza, non è robetta da poco. I ragazzi del tecnico Rosso però si scuotono e al 20′ riescono a segnare il primo punto, Ferrari viene imbeccato centralmente e carica velocissimo poi si avvede del taglio di Cusano e gli serve la sfera, complice un Maglie che in pratica buca l’attrezzo, il bomber albese con un sinistro a giro mette sul palo lungo dove un Randazzo proteso in volo non può arrivare. Esultanza e giubilo in campo e sugli spalti. 1 a 0. I torinesi provano a reagire cercando di affondare ma non hanno ne passo e neppure spazi questo dovuto ad una difesa biancazzurra puntuale e ben posizionata. Corre il 25′ e l’Albese approfitta degli spazi concessi lanciando Nicolini esterno, volatona con palla deliziosa centrale per l’inserimento di Chiatellino che con eleganza anticipa l’uscita di Randazzo per poi depositare la sfera nella rete sguarnita. 2 a 0 ed è comunque tanta roba, pare non essere vero per come era iniziata. Con il vantaggio così netto la squadra albese rifiata e controlla maggiormente il gioco anche con sufficiente disinvoltura, il Rivoli è frastornato, non riesce a trovare il classico bandolo della matassa e quindi non trova le giocate per aumentare la pericolosità. La fine del primo tempo arriva senza acuti particolari, il thè fresco rigenerante è atteso con ansia, vista l’enorme calura, da tutti i protagonisti in campo. Nella ripresa il copione cambia di poco, Albese sempre attenta e ben disposta in campo, torinesi che provano ad uscire e trovando qualche mischia con qualche punizione dalla lunga distanza. A fare male però sono sempre i ragazzi di Rosso, corre il 57′ e Nebbia calibra sul secondo palo, a vuoto l’inserimento di Odino ma è Cagnasso a trovarsi pronto peccato che la conclusione, veramente da due passi dalla porta, è altissima sulla pista d’atletica! Un minuto dopo una combinazione di Patrini, superba la sua prestazione, con il ritrovato Cusano, altra botta a giro del bomber azzurro con un Randazzo pronto ad abbrancare in tuffo! Il Rivoli produce il massimo sforzo e avanza minaccioso, pur trovando raramente spazi su cui affondare il colpo, e i langaroli sono sempre pronti a ripartire. In una di queste, 69′, ancora uno stratosferico Chiatellino ruba palla su una leggerezza difensiva torinese e si invola, Randazzo viene eluso in velocità e in diagonale mette dentro il sacco il terzo punto. Scene di esultanza infinita in campo e in tribuna con il Presidente Franco Rava accanto al Sindaco di Alba Maurizio Marello. Un triplete devastante che il Rivoli non vuole accettare e, con le residue forze, prova almeno ad accorciare con incursioni di Gharizadeh (grande ex Albese e neo papà proprio in questi giorni auguri!) e con Dutto ma i tentativi sono senza esito. Sul finire dell’incontro sale sugli scudi Ferrari, imbucato da Nebbia l’attaccante albese prova a beffare Randazzo con un lob misurato ma l’estremo torinese con un balzo felino riesce ad intercettare, subito dopo stesso copione ancora con Ferrari a provarci ma la sfera è alta di pochissimo sulla traversa!! Fischio finale e giusta festa in campo dei ragazzi biancazzurri chiamati a raccolta intorno al tecnico Rosso osannato anche sugli spalti insieme al Presidente Franco Rava esortato a non mollare questa blasonata società. Domenica prossima ci sarà da soffrire a Rivoli certamente, intanto si parte da un vantaggio cospicuo ma che non assicura nulla quindi sarà opportuno restare fermi e belli concentrati sul pezzo poi ci sarà eventualmente spazio a tutti i festeggiamenti del caso. Di quest’ultima considerazione nella società dell’Albese Calcio ne sono tutti fermamente consapevoli, come ne testimoniano le seguenti interviste, però è anche bello sapere che ora il pallino del, seppur minimo, vantaggio è a favore dell’Albese, personalmente credo che non sia poco, vediamo di sfruttarlo a dovere. LE INTERVISTE: Il Presidente FRANCO RAVA: ” Questo è un risultato che va oltre alle più rosee delle aspettative a dispetto dell’annosa sfortuna che comunque anche oggi ha voluto fortemente metterci del suo. Abbiamo comunque vinto molto di più che meritatamente una partita dominata in largo e in lungo per larghi tratti dove, paradossalmente, gli infortunati ci hanno favoriti e infine debbo aggiungere che oggi i ragazzi sono stati veramente encomiabili sotto ogni punto di vista.” Il tecnico GIANCARLO ROSSO: ” Sin dall’inizio ho colto sensazioni negative, non mi era mai capitato di dover sostituire un giocatore subito prima del fischio d’inizio e quindi poteva essere un brutto presagio, questo insegna che nel calcio c’è sempre da imparare e subito dopo l’infortunio di Santoro ha aggiunto negatività ma, paradossalmente, con il conseguente cambio in corsa del modo di giocare e quindi con maggior velocità anziché cercare la profondità posso dire che abbiamo messo in forte difficoltà il Rivoli. Abbiamo vinto meritatamente questa partita, abbiamo vinto il primo tempo di questa lunga partita play out dove la seconda parte sarà domenica prossima proprio a Rivoli. Quella che andremo ad affrontare sarà la settimana più difficile di questo interminabile campionato e questo dovuto al fatto di non aver ancora raggiunto nessun tipo di obiettivo dove per assicurarcelo dovremo oltremodo soffrire nel prossimo incontro proprio in terra torinese. Nessuno si deve illudere, bisognerà lavorare sodo e tenere molto alta la concentrazione. Peccato perchè potevamo chiudere definitivamente questa sfida ma abbiamo trovato un grande Randazzo che ci ha negato ulteriori gioie comunque sono molto soddisfatto, la tensione è altissima e gli infortuni possono essere anche figli di queste situazioni e i ragazzi oggi hanno veramente giocato con grande cuore e applicazione. Con sincerità non so se questa è la miglior partita dell’anno per l’Albese, quello che so bene che la ricorderò per sempre inoltre credo che questi ragazzi hanno dimostrato di meritare la salvezza anche senza questi spareggi, ci sono state tante problematiche che ci hanno complicato il cammino però adesso prepareremo bene domenica prossima per cercare di fare una nuova grande partita. Purtroppo per Antonelli pare un infortunio abbastanza grave mentre Santoro è certamente più lieve, martedì faremo il punto della situazione e poi vedremo” Il VicePresidente EZIO GRASSO:” Abbiamo ottenuto un grande risultato con una squadra molto ostica, però aggiungo che abbiamo ancora una partita dove dovremo giocare al massimo delle nostre possibilità in seguito, con la matematica dalla nostra parte, daremo il via ai festeggiamenti, oggi non lo possiamo e non lo dobbiamo fare. Con questo risultato abbiamo fatto il primo passo mentre sulla partita di oggi devo unirmi al coro dei complimenti ai ragazzi dei quali la società Albese Calcio ne è molto orgogliosa. Il tecnico Michele SCOLA (Rivoli): ” Devo subito dire che oggi la mia squadra è entrata poco in partita e in pratica abbiamo fatto il gioco dell’Albese, non siamo stati bravi ad approfittare delle due occasioni di inizio partita poi è subentrata la paura. Certamente che giocatori come Bortolas, Zappella, Monteleone, Salafrica e Ahmed non li possiamo regalare in questa partita con la mia ex squadra. Sono comunque stati molto bravi gli albesi e hanno meritato di vincere. Purtroppo l’errore di Maglie è stato determinante e ha rotto gli equilibri, l’Albese è cresciuta ulteriormente e noi ci siamo demoralizzati. Fino a quel punto abbiamo fatto ciò che dovevamo fare, corti e quadrati come doveva essere poi si è spenta la luce. Nel ritorno ci proveremo sicuramente fino alla fine” Piero Cornero